Questo sito utilizza solamente cookie di tipo tecnico necessari al normale funzionamento del sito. Cliccando su "Accetta" acconsenti all’uso dei cookie. Per rimandare la decisione clicca su "Chiudi". Clicca qui per approfondire.


Terenzio Longobardi analizza in dettaglio le incentivazioni del nuovo decreto sul fotovoltaico, confrontandole con quelle del vecchio, in vigore fino all'anno scorso. Le conclusioni non sono molto ottimistiche, il nuovo decreto prevede incentivazioni minori del vecchio ed è possibile che la convenienza economica all'installazione non sia sufficiente per arrivare agli obbiettivi previsti.

 

Il documento completo "Confronto fra il nuovo e il vecchio decreto fotovoltaico" è disponibile come allegato in formato pdf.

 

 


28 Aprile 2007

 

Appendice a “Confronto tra il nuovo e il vecchio decreto fotovoltaico”

In seguito alla pubblicazione su questo sito del mio articolo “Confronto tra il nuovo e il vecchio decreto fotovoltaico” mi sono pervenute da parte di alcuni lettori segnalazioni su alcune imprecisioni che mi sembra opportuno correggere o rettificare.
  1. Il vecchio decreto prevedeva una maggiorazione della tariffa incentivante pari al 10% per gli impianti realizzati con integrazione architettonica negli edifici che non ho considerato nella mia valutazione. Quindi, il punto 8) delle conclusioni “Gli unici impianti che accedono a un’incentivazione decisamente più elevata dell’attuale sono quelli integrati architettonicamente, ad esempio sostituendo le tegole del tetto con i pannelli solari. Ma bisognerebbe valutare anche i maggiori costi costruttivi e le problematiche funzionali e strutturali di non facile soluzione connesse alla realizzazione di questo tipo d’interventi” deve intendersi sostituito da “Gli impianti integrati architettonicamente, ad esempio sostituendo le tegole del tetto con i pannelli solari, sono incentivati più o meno allo stesso modo, tranne nel caso di quelli con potenza tra i 20 kW e i 50 kW, per i quali era più favorevole il regime precedente”.
  2. Il nuovo decreto prevede una decurtazione annuale del 2% delle tariffe incentivanti a partire dal 2009 e non dal 2007.
  3. L’aggiornamento annuale Istat delle tariffe incentivanti nel vecchio regime, citato nell’articolo, aveva determinato la seguente situazione tariffaria prima dell’approvazione della nuova normativa:
Dal 1º Gennaio 2007

Taglia di potenza dell’impianto Scambio sul posto*
€/kWh)
Cessione in rete*
(€/kWh)
1 kW < P < 20 kW 0,462 0,477
20 kW < P < 50 kW n.a. 0,477
50 kW < P < 1.000 kW n.a. Valore gara aggiornato
** tasso di variazione applicato alle tariffe 2006 dal 1° gennaio 2007 = 2,0%

Terenzio Longobardi

Feed RSS

Blog Aspo Italia

JSN Epic template designed by JoomlaShine.com