Questo sito utilizza solamente cookie di tipo tecnico necessari al normale funzionamento del sito. Cliccando su "Accetta" acconsenti all’uso dei cookie. Per rimandare la decisione clicca su "Chiudi". Clicca qui per approfondire.

In questo articolo, Ugo Bardi fa una comparazione fra il problema del riscaldamento globale e quello dell'esaurimento delle risorse. Sono due problemi complessi e controversi, il che fa si che manchino esperti in entrambi i campi. Quale dei due problemi è il più grave? Quale quello da risolvere per primo?

Sulla base dei dati esistenti, è chiaro che i due problemi sono strettamente correlati e dipendenti l'uno dall'altro - tentare di risolverne uno senza considerare l'altro può essere controproducente. Per esempio, cercare di ovviare all'esaurimento del petrolio utilizzando il carbone porta necessariamente a un incremento delle emissioni dannose. Al contrario, misure quali il sequestro del biossido di carbonio possono portare a un incremento dell'attività industriale e quindi a un aggravamento del problema dell'esaurimento. Non esistono soluzioni semplici per problemi complessi; l'unica possibile soluzione è un sistema di quote sia per quanto riguarda le emissioni (trattato di Kyoto) sia per quanto riguarda l'estrazione (per esempio, il "protocollo del petrolio")

L'articolo completo "La Padella o la Brace? Fra esaurimento e riscaldamento globale" è disponibile come allegato in formato pdf.

Feed RSS

Blog Aspo Italia

JSN Epic template designed by JoomlaShine.com