Solare termodinamico: il primo dei 10 piccoli indiani?

parabolic-trough-solar

Arriva oggi la notizia di una mozione presentata in Senato per abolire il finanziamento del solare termodinamico, anche se non è chiaro dalla notizia quali progetti saranno specificatamente tagliati.

Più volte, sui siti di ASPO-Italia, non siamo stati teneri con l’idea di “solare termodinamico” propugnata da Carlo Rubbia e altri. L’idea, detta più comunemente “CSP” (Concentrated Solar Power) si basa su dei sistemi di concentrazione della luce solare che scaldano un fluido che poi viene utilizzato per far funzionare un motore termico – tipicamente una turbina a vapore.

Ho lavorato un po’ su dei progetti di CSP e vi devo dire che ne sono rimasto molto perplesso. L’attrezzatura è complessa, delicata, richiede manodopera specializzata per la manutenzione e – soprattutto – basta un po’ di foschia per ridurne a zero l’efficienza. Può funzionare per applicazioni specifiche, per esempio il riscaldamento/raffreddamento di ambienti. Ma i grandiosi progetti di Rubbia per impianti a sali fusi nel mezzo del deserto mi sembrano – per il momento – fuori tempo, fuori luogo e fuori portata delle nostre possibilità.

Tuttavia, ulteriori tagli alla ricerca su qualsiasi argomento sono sempre preoccupanti. Va bene che in questa nota Gasparri e c. si preoccupano di dire che quello che viene tolto dal CSP andrà ad altre tecnologie rinnovabili. Ma si sa come vanno queste cose. Una volta che i fondi spariscono da un certo progetto, non si sa mai dove vanno a finire e l’attuale governo, fino ad ora, non ha mostrato grande interesse o apprezzamento per le energie rinnovabile.  Va a finire come per la storia dei 10 piccoli indiani, uno ad uno, spariscono tutti.

Ecco la notiza, da www.rinnovabili.it

Roma, 21 luglio 09

In Aula a Palazzo Madama

Mozione al Senato per stop al solare termodinamico

Zaratti: “Una scelta suicida per l’ambiente e le imprese…Queste decisioni non fanno bene al Paese”

(Rinnovabili.it) – Mentre nel mondo, Spagna e Germania in testa, si sta svegliando l’appetito per la nuova promessa dettata dal solare termodinamico, Italia potrebbe bruscamente invertire la tendenza. E’ di oggi infatti la presentazione in Senato della mozione del Pdl in cui sono indicate tutte le criticità di questa tecnologia dalle (così definite) “incerte potenzialità”.
La mozione firmata da Gasparri, Nania e Dell’Utri recita così: “I primi tentativi di realizzare impianti di solare termodinamico anche di consistenti dimensioni, risalenti a più di 30 anni or sono, non sono stati persuasivi nei risultati e quindi abbandonati e attualmente è inoltre difficile prevedere quali potranno essere i costi di installazione e gestione di tale tecnologia in futuro…pertanto, appare economicamente più vantaggioso puntare sulle tecnologie per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili per le quali i costi connessi alla curva di apprendimento risultano prossimi alla combinazione ottimale di efficacia ed efficienza quali, in particolare, le tecnologie del solare fotovoltaico, del consumo di biomasse e dell’eolico… e destinare ai suddetti obiettivi tutte le possibili risorse, ivi comprese quelle dei fondi non attivati per l’incentivazione di energie non ritenute proficue”.

Uno stop dunque al solare termodinamico che tuttavia per Filiberto Zaratti, Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio, rappresenta “una scelta suicida per l’ambiente e le imprese ed è la conferma degli scenari che il Governo intendeva tenere nascosti circa la gestione dell’energia con l’introduzione del nucleare in Italia”. “Con questa operazione, in realtà, si vogliono spostare risorse dal solare termodinamico al nucleare proprio all’indomani della notizia che il Governo canadese ha sospeso una gara per due reattori atomici per eccesso di costo: 4.600 euro per kW installato, per un totale di 15 miliardi di euro. Il tutto per la sola costruzione”.

“Queste scelte, inoltre, non fanno bene al Paese e alla nostra Regione. – prosegue Zaratti firmatario di un accordo con Confindustria Lazio per la realizzazione di una centrale solare termodinamica della potenza di 35 MW – L’opzione nucleare, che coinvolge anche nostra Regione specialmente per quella che sembra essere la scelta già fatta del sito di Montalto di Castro, infatti, orienterà la maggioranza delle risorse verso tecnologie prodotte all’estero, relegando le imprese italiane e del Lazio a un ruolo marginale di comprimari, mentre oggi possiamo essere leader, come la Spagna dove è già in funzione una centrale solare termodinamica da 50 MW. Il solare termodinamico è una tecnologia emergente sulla quale tutto il Mondo sta investendo, non solo in ricerca, ma anche in progetti concreti, come dimostra il Piano solare francese che punta installare nel Nord Africa ben 20.000 MW”.

“Se l’Italia uscirà da questi progetti innovativi – concludel’Assessore – si ripeterà il caso del fotovoltaico, nel quale solo 15 anni fa eravamo leader in Europa e che abbiamo abbandonato scegliendo modelli di sviluppo energetici obsoleti e che non producono vera ricchezza per il Paese”.

1 comment so far ↓

#1 Solare termodinamico Vs nucleare? « Reverse Information on 07.27.09 at 17:25

[…] Secondo Bardi “l’attrezzatura è complessa, delicata, richiede manodopera specializzata per la manutenzione e – soprattutto – basta un po’ di foschia per ridurne a zero l’efficienza. Può funzionare per applicazioni specifiche, per esempio il riscaldamento/raffreddamento di ambienti. Ma i grandiosi progetti di Rubbia per impianti a sali fusi nel mezzo del deserto mi sembrano – per il momento – fuori tempo, fuori luogo e fuori portata delle nostre possibilità“. […]