La burocrazia contro il fotovoltaico

di Ugo Bardi

In un post di qualche anno fa, mi lamentavo per la burocrazia eccessiva per mettere un impianto fotovoltaico sopra casa mia (quello che vedete qui sopra).  Bene, nella mia testolina mi immaginavo che, forse, col tempo le varie pastoie burocratiche sarebbero state eliminate o perlomeno ridotte. Ahimé, è successo esattamente il contrario. Non so dire se sia per una volontà precisa di affossare l’energia fotovoltaica, oppure se sia semplicemente perché la burocrazia è come l’entropia; aumenta sempre. In ogni caso, ti stanno facendo le cose sempre più difficili, come si può leggere nell’articolo che segue da “qualenergia.it

 

Il fotovoltaico e la corsa a ostacoli della burocrazia

La semplificazione burocratica e le rinnovabili sono lontani anni luce. Un racconto tecnico, e ai limiti del paradossale, di un tortuoso viaggio burocratico di un cittadino che decide di realizzare un piccolo impianto fotovoltaico da 3 kWp su tetto. L’articolo è a cura del Gruppo MSA, Movimento per lo Sviluppo Energie Alternative.
15 maggio 2012

Il faticoso percorso burocratico per la realizzazione di un piccolo impianto fotovoltaico è la dimostrazione di come in Italia burocrazia e rinnovabili siano ormai un binomio indissolubile. Nonostante la montagna di documenti da produrre e iter defatiganti oggi nel nostro Paese ci sono quasi 350mila impianti fotovoltaici. Come si è riusciti ad arrivare a questi risultati? Leggete fino in fondo questo interessante, utile e paradossale viaggio nella burocrazia e forse lo capirete.

Il signor Rossi decide di installare 3 kWp sul tetto della propria abitazione. Deve presentare il titolo abilitativo. E allora si inizi il viaggio con le autorizzazioni comunali.

Ogni Comune ha una propria regola e ovviamente una propria modulistica; oneri amministrativi diversi per non meglio precisati diritti di segreteria, diverse tempistiche e modalità di richiesta e di rilascio.

C’è spesso una notevole confusione nell’interpretare le linee guida nazionali sulle fonti rinnovabili e sul tipo di autorizzazione/abilitazione effettivamente idonea al tipo di impianto e di installazione da effettuare. Per esempio la CIL (Comunicazione Edilizia Libera) e titolo abilitativo “tipo” per una piccola installazione a uso domestico e che per legge dovrebbe potere essere presentata “anche per via telematica” (se solo i Comuni fossero TUTTI muniti di Pec che, sempre per legge, dovrebbero avere…) viene spesso complicata da esosissime richieste di documentazioni di ogni genere. Trattandosi di una “comunicazione che non richiede risposta” non si capiscono l’esigenza e la logica della presentazione di tali aggravi documentali.

Nel link “Rinnova” reperibile sul sito del GSE sono facilmente rintracciabili le vari tipologie di titoli autorizzativi/abilitativi necessari all’installazione di ogni tipologia di impianto. Perché i Comuni non vengono indirizzati al sito del GSE per la consultazione?

Se ci addentriamo nei meandri di tipologie di impianti leggermente più complicati, ci imbattiamo in una serie di Autorizzazioni più o meno originali che spaziano dalla SCIA (Segnalazione Certificata Inizio attività) alla PAS (Procedura Abilitativa Semplificata) alla DIA (Dichiarazione Inizio Attività). Veramente un percorso complicato e di difficile gestione da parte sia dei Comuni che dei tecnici che, troppo spesso, si ritrovano a perdere ore e ore nel drammatico tentativo di interpretare le logiche distorte di tecnici comunali che, persi nella non chiarezza delle direttive … interpretano a proprio modo.

Nel caso di vincoli di qualsiasi genere la situazione si complica oltremodo e occorre presentare ulteriore documentazione alle Sovrintendenze che impiegano tempi lunghissimi per esprimere il proprio parere. Spesso sfavorevole o con originali richieste.

Ma torniamo al Signor Rossi. Il suo tecnico è stato bravo e ha quindi presentato tutte le documentazioni e può quindi passare allo step successivo.

Il Comune che ha accettato la presentazione della CIL dovrà ora rilasciare un documento nel quale attesti che essa è “titolo idoneo” all’installazione dell’impianto. Un vero controsenso nel caso di edilizia libera, ma anche in tutti gli altri casi. Tra l’altro i Comuni hanno deciso di fare pagare il rilascio di questo documento attribuendone i costi all’apertura di una relativa istruttoria che in realtà non ha ragione alcuna di venire aperta. Crediamo che ogni commento in proposito sia assolutamente superfluo.

Questo rende impossibile per un comune cittadino districarsi da solo in questa selva oscura di carte, bolli e incertezze ed è quindi costretto a rivolgersi a un tecnico specializzato e molto agguerrito e da solo, questo, potrebbe essere sufficiente a demoralizzare buona parte dei  clienti e degli stessi tecnici.

Ma andiamo avanti. Superato il primo scoglio delle abilitazioni/autorizzazioni ci troviamo a fronteggiare il gestore di rete (spesso ENEL Distribuzione SPA, ma non sempre).

ENEL/Ente gestore della rete. La procedura ENEL/gestore di rete è composta di tre passaggi:

1) richiesta di preventivo (mediamente 4 documenti) si invia mediante posta elettronica certificata / portale Enel / raccomandata e serve per ottenere un semplice sopralluogo (che spesso non viene neppure fatto soprattutto quando la potenza dell’impianto è inferiore alla potenza già disponibile del cliente). Ovviamente questa richiesta si paga e molto: per i nostri 3 kWp sono 121 € iva compresa.

2) A seguito del sopralluogo (o non sopralluogo) viene rilasciata la TICA ovvero il preventivo di connessione vero e proprio che deve essere accettato dal cliente pagando ovviamente il corrispettivo relativo (altri 121 € ) .

Possiamo ora installare l’impianto FV da 3 kWp del nostro eroe. Ma per farlo funzionare il nostro gestore di rete dovrà allacciarlo.

3) Installato e allacciato, ora l’impianto è funzionante. Siamo a posto? Nemmeno per sogno. Dobbiamo tenerlo staccato perché ancora è necessario inviare un’altra decina di documenti al gestore di rete affiché venga a montare i gruppi di misura (i contatori) e ci rilasci l’agognato verbale di allaccio.

Tra i passaggi 2 e 3, intercorre una registrazione sul portale Terna (gestore della rete di trasmissione nazionale) da fare esclusivamente on-line. Le eventuali richieste di integrazione dell’ente distributore per i motivi più svariati e a volte fantasiosi sono dissimili tra Ente ed Ente in quanto ovviamente ogni distributore ha una propria modulistica e abitudini, anche semplicemente per interfacciarsi. E questo nonostante l’Autorità per l’energia abbia cercato di mettere inutilmente un po’ di ordine.

Questi passaggi necessitano da un minimo di 60 giorni circa per utenze domestiche sino a uno-due anni per grandi impianti localizzati in zone sfortunate.

Adesso che il nostro impianto funziona, e lo fa in modo egregio, resta da vincere la sfida dell’incentivo. Vediamo cosa dobbiamo fare con l’ente preposto, cioè il GSE.

Gestore dei servizi energetici. Con il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) si raggiunge la vetta della burocratizzazione del sistema. Procediamo alla registrazione sul portale GSE ed entro 15 giorni (solari, e ci mancherebbe altro) si deve caricare (assolutamente in PDF):

  1. richiesta di concessione delle tariffe incentivanti
  2. certificato antimafia
  3. dichiarazione sostituiva dell’atto di notorietà
  4. scheda tecnica dell’impianto
  5. schemi elettrici di sistema
  6. elaborati grafici di dettaglio
  7. cinque fotografie (ben fatte e da diverse angolazioni)
  8. elenco delle matricole dei moduli
  9. elenco delle matricole degli inverter
  10. dichiarazione di proprietà dell’immobile
  11. autorizzazione alla costruzione dell’impianto
  12. dichiarazione di idoneità del titolo autorizzativo
  13. comunicazione del POD
  14. verbali di istallazione dei contatori
  15. certificato Censimp rilasciato da TERNA
  16. certificati di ispezione di fabbrica per prodotti UE
  17. fatture di acquisto
  18. documento di identità del richiedente

Tutto ciò per un impianto fotovoltaico da 3 kWp!

In tutto questo le autocertificazioni, pur previste per legge come strumento di semplificazione, sono considerate prive di ogni validità, così come rimane lettera morta il divieto da parte di un ente pubblico di richiedere documenti già in possesso di un’altra amministrazione.

Ora, armati di pazienza, dobbiamo aspettare l’esito da parte del GSE. E questo sarebbe un lungo capitolo da affrontare in separata sede.

Il filo diretto con il GSE dura poi 20 anni non solo per la ricezione degli incentivi, ma anche per i rapporti di qualsiasi altra natura e non sempre risultano essere, come chi opera nel settore ben sa, assolutamente agevoli.

Se poi avessimo osato fare un impianto più grande, per esempio da 6,1 kWp, avremmo dovuto aggiungere altri documenti e se fosse stato da più di 20 kWp allora saremmo entrati nel girone dei dannati dell’UTF e delle Officine Elettriche (agenzia delle dogane) con tarature dei contatori e registri quotidiani da compilare copiando per benino (a mano su di un registro timbrato ) i dati dei contatori, pagamento dei diritti di licenza annuale, e pagamenti di addizionali sulle accise per tutta l’energia autoconsumata.

Poi per gli impianti in sola vendita o di potenza rilevante sopra i 20 kWp una volta all’anno saremmo costretti a compilare il cosiddetto “Fuel Mix” che altro non è che una comunicazione di produzione e/o per la comunicazione di “consumo” che altro non è che la trasmissione delle produzioni e consumi fatti alle Dogane (altro ente con cui si instaura un rapporto a vita, solo per impianti sopra i 20 kWp).

Conclusioni

Il nostro eroe ha ora il suo impianto fotovoltaico e ha avuto la fortuna di avere dei tecnici che sapevano cosa fare e che si sono fatti in quattro per rispettare tempi e leggi. A chi sostiene che la burocrazia è necessaria e serve per evitare “furbate“ vorremo domandare se dopo aver letto quanto riportato continui a ritenere che un Paese possa sostenere tanta inutilità per fare un prodotto di pubblica utilità come un impianto di produzione energetica alimentato da fonti rinnovabili.

E se facessimo lo “spread” reale tra Italia e Germania sulla burocrazia potremmo vedere che in Italia servono (mal contati) circa 40 documenti diversi per un impianto da 3 kWp, mentre in Germania sono di fatto 2 (avete letto bene 2). Per non parlare del contenimento dei costi.

E per controbattere alla tesi di chi asserisce che se la burocrazia fosse effettivamente troppo onerosa e di difficile attuazione non si sarebbero installati così tanti impianti e così tanta potenza, la risposta è che solo con l’incredibile determinazione, la costanza e la capacità di tecnici e di aziende riunitisi in gruppi nati sul web a margine di uno stato di necessità si è stati in grado di far fronte alle mutevoli e repentine variazioni legislative e normative (a volte anche in corso d’opera). Si è creata una rete di collaborazione e di supporto quotidiani a titolo assolutamente gratuito e volontario stravolgendo le normali regole di concorrenza a favore di una solidarietà mai vista prima d’ora.

Le proposte di semplificazione sono state fatte a più riprese in tutte le sedi, ma a oggi anche per il futuro quinto conto energia paiono rimanere lettera morta (anzi con il registro si ottiene un’ulteriore devastante complicazione), ma si sente soprattutto la mancanza di un coordinamento generale o ancor peggio si percepisce la netta volontà di frenare questo settore con innumerevoli ostacoli che rallentano la corsa ma che alla lunga uccidono il corridore.

Gruppo MSA, Movimento per lo Sviluppo Energie Alternative (tecnici e installatori del settore delle rinnovabili)

15 maggio 2012

14 comments ↓

#1 Luca on 05.21.12 at 14:18

Ti sei dimenticato che se la casa a meno di 150 m da un argine (in pianura padana praticamente sempre) bisogna presentare una relazione paesaggistica alla sovraintendenza belle arti. E se la casa è in area protetta bisogna anche preparare una relazione VINCA (Valutazione incidenza ambientale) che rassicuri sul fatto che tre pannelli sopra la casa non portano detrimento a flora e fauna autoctoni… Il tutto sarà “letto” (in realtà guarderanno solo i titoli) dai rappresentanti della burocrazia più ignorante d’Europa…
Comunque non credo ci sia volontà di ostacolare le rinnovabili, qualsiasi settore che passa per la PA vive questo moltiplicarsi esponenziale di adempimenti

#2 Luca_Folini on 05.21.12 at 15:15

Condivido in pieno l’articolo. Io circa 2 anni fa ho presentato (tramite tecnioco abilitato) la domanda di concessione edilizia in comune (abito in un centro storico di un piccolo paese in Valtellina) il 01dic2009 (o giù di lì) ed ho allacciato l’impianto il 20apr2010, e tutto sommato penso mi sia andata anche abbastanza bene.
Sarebbe bello se chiunque potesse acquistare un pannello FV da 250W munito di micorinverter da collegare al proprio impianto domestico per coprire i consumi di base (o almeno una parte).

#3 Andrea on 05.21.12 at 19:17

Nel caso di una istallazione ad isola si incorre ugualmente in questa inutile trafila burocratica ?

#4 Sergio Ciriaco on 05.21.12 at 19:37

Amaramente mi trovo a condividere in pieno l’articolo.
Sono al mio terzo campo fotovoltaico e ho constatato sulla mia pelle che con il tempo le cose sono addirittura divenute più complicate.
Comunque continuo sempre a sperare in un’Italia migliore.

#5 Giulio on 05.22.12 at 10:43

Luca_Folini per i 250 watt che citi ho una soluzione…. se vuoi contattami a capornia@gmail.com +g+

#6 marcosclarandis on 05.22.12 at 13:54

E’ l’ultima arma non proibita che gli rimane.

Poi passeranno ai droni che lanciano le pietre o ai guastatori armati di trincetto.

Marco Sclarandis

#7 arturo tauro on 05.22.12 at 15:42

Condivido anche io, con amarezza, questo bell’articolo. Tutta questa burocrazia è VERGOGNOSA !! A mio modesto parere è stata architettata a tavolino proprio per scoraggiare chi avesse voglia di entrare nel FV. Riprendo la domanda di Andrea: se volessi un impianto ad isola, posso sperare almeno di evitare buona parte della burocrazia?

#8 roberto de falco on 05.22.12 at 23:29

sono 4 mesi che attendo di vedere il mio impianto fotovoltaico . estorcere il consenso al proprietario comune della falda (condominio al 50%) due mesi di tempo , bloccato da una cil perche’ non si trova la licenza edilizia del 1964 ho dovuto ricorrere ad un’asseverazione di un geometra altri due mesi di tempo adesso che mi hanno montato i pannelli attendo acea per il contatore. una storia infinita per 2.88 kw . in italia e’ meglio fare l’abusivo che il regolare.

#9 matteo on 05.24.12 at 08:27

io ce l’ho fatta, dopo mesi e mesi di tribolazione…per un piccolo impianto da 3kw domestico.
ma due anni fa ,insieme ad amici volevamo fare un impianto da 1 mega in collina. dopo mesi di autorizzazioni, progetti tecnici, scelta dei pannelli, giri interminabili in banca per finanziamenti, giri in banca infiniti per le equity da anticipare, e spese di anticip a go-go, l’enel ci ha chiesto 150mila euro di extra per potenziare la linea. DOPO SVARIATI MESI. ecco la serietà delle istituzione. e poi il cittadino si incazza, e vota grillo????
stupitevi se non va in piazza con i forconi….

#10 Davide on 05.24.12 at 11:22

che fortuna che ho avuto ad essere uno dei primi a montare il fv a casa nel 2005… ricordo che la burocrazia mi ha fregato 2-3 mesi ,allora pensavo che fossero parzialmente giustificati dall’inesperienza, dopo questa lettura invece si conferma che sono una manica di DELINQUENTI …non c’e’ altra definizione appropriata…
Alla faccia dei kit plug&play domestici che dovrebbero essere in vendita nei supermercati come tv e lavatrici…

#11 matteo on 05.24.12 at 20:17

per chi ha voglia di leggerlo, un bel link, che dimostra come nel MEDIO PERIODO, produrre energia dal fotovoltaico sia un vantaggio economico per lo stato . e forse meno per petrolieri, lobbysti del nucleare….

http://paroleverdi.blogosfere.it/2012/05/commissione-ambiente-della-camera-benefici-incentivi-rinnovabili-superiori-ad-oneri.html

#12 gb on 05.28.12 at 14:13

@matteo

Il documento in questione non dimostra nulla… prende semplicemente per buoni i risultati di due studi che si farebbe fatica a definire ‘indipendenti’, studi che si basano su ipotesi da discutere (tasso attualizzazione 5%, decine di migliaia di nuovi posti di lavoro nel FV….) e non consultabili dal pubblico.
Poi volendo entrare nel merito il documento è un copia-incolla di cose vecchie e nuove con diversi errori sostanziali e formali (tipo unità di misura scritte a casaccio). Da una commissione parlamentare a mio parere dovrebbero essere prodotti documenti di ben altro livello.

#13 matteo on 05.28.12 at 17:56

hai ragione gb, io costruirei un’altra centrale nucleare, quelle famose di 6 generazione, o, sennò, meglio una centrale ad olio o a carbone.

#14 agostino on 06.15.12 at 07:41

dopo sei mesi ho ricevuto parere negativo dalla sovraintendenza di napoli per poter mettere sull’attico i pannelli fotovoltaici per motivi paesaggistici:
Il mio attico ha un muretto perimetrale alto circa un metro, pertanto i panelli vengono installati più bassi del muretto, si toglie solo la visuale agli aerei e agli elicotteri che passano sono per spegnere gli incendi del Vesuvio.
Vorrei capire come fa un architetto a dare un parere negativo dopo che il comune ha rilasciato la DIA .
Tra tecnici della pubblicazione amministrazione non c’è
dialogo, oppure quello che fa la mano destra non sa quello che fa la sinistra?
Dopo questa esperienza cosa pretende lo stato, che il cittadino deve solo subire l’incapacità dei suoi organi e noi paghiamo le tasse e star zitti?