Idrogeno a basso costo dall’acqua: la bufala dell’Oklahoma

Di Ugo Bardi

Quando ti accorgi che il bufalo è veramente lo “state animal” dell’Oklahoma, ti viene da pensare che tutta la storia della ditta dell’Oklahoma che ha inventato un nuovo catalizzatore che produce idrogeno dall’acqua senza bisogno di energia sia uno scherzo. E, invece, sembra proprio di no. Sicuramente, qualcuno prenderà l’annuncio sul serio.

 

Altro giro, altra bufala, signori e signore. Ammirate questo nuovo esemplare, appena arrivato dagli allevamenti dell’Oklahoma. Cosa vogliamo di più? Idrogeno a basso costo, tutti i problemi risolti. Qualcuno avrebbe dovuto mettere un copyright su questa idea; almeno i bufalatori dovrebbero pagare qualcosa per mettere in giro questa roba.

Questa qui è talmente evidente che non meriterebbe nemmeno menzione, ma siccome c’è gente che crede a tutto, (perfino a uno che sostiene di aver costruito un reattore nucleare in casa per poi dover accendere una stufa a gas per scaldarsi) allora ve lo passo. Tenderei a lasciare ai lettori lo sbufalamento di questa idea, ci vuole poca fatica. Ma per quelli di voi che sono un po’ pigri, vi spiego in breve perché non può funzionare.

Allora, ormai le bufale si riconoscono a distanza, questa qui ne ha tutte le caratteristiche: i proclami esagerati, la rivoluzione energetica, il tutto sviluppato da una dittarella dell’Oklahoma che, curiosamente, fino ad oggi faceva prodotti farmaceutici. Quello che mette subito in sospetto è che questi qui non cercano di vendere brevetti o aggeggi, ma cercano rappresentanti. Sentito parlare di schema piramidale? Ecco….

Ma dove casca la bufala, come si suol dire, è nella descrizione della cosiddetta invenzione. Dicono di aver inventato un catalizzatore capace di “produrre idrogeno a elevati flussi senza bisogno di potenza in input”. Non funziona: la reazione di decomposizione dell’acqua è endotermica. Non c’è modo di estrarre idrogeno dall’acqua senza usare energia. L’unico trucco che può fare un catalizzatore è di accellerare la velocità di reazione, ma non cambia l’energia coinvolta. Questi qui non hanno capito nulla e hanno anche il coraggio di dire, nel loro sito, “the addition of a catalyst can decrease the amount of required energy”. Questi vorrebbero salvare il mondo e non passerebbero l’esame di chimica del primo anno di università – ma che dico? Non passerebbero un test di scienze naturali per la terza media.

Gente così non meriterebbe ulteriore attenzione, ma possiamo anche divertirci a girare un po’ di più il coltello nella piaga. Sfogliando un po’ il loro sito, trovi una “dimostrazione” che il loro sistema produce idrogeno. Allora qual’è il trucco? Beh, sta nell’alluminio che loro mettono nel cosiddetto “catalizzatore”. L’alluminio può reagire con l’acqua generando idrogeno in una reazione fortemente endotermica. Di solito non avviene, perché la superficie dell’alluminio è passivata. In questo caso, evidentemente, il loro “catalizzatore” attiva in qualche modo la superficie dell’alluminio. E, infatti, hanno anche il coraggio di dirti che si forma ossido di alluminio come “byproduct”!! Allora, l’idrogeno prodotto non è gratis, ma è a spese dell’alluminio metallico. Finito l’alluminio, finito l’idrogeno. Anche ammesso che il processo fosse 100% efficiente (cosa che sicuramente non è) l’alluminio, atomo per atomo, costa più caro dell’idrogeno. Quindi è come se un alchimista si vantasse della sua pietra filosofale che trasforma l’oro in piombo.

Potere dell’ignoranza. Viene voglia di ringraziare l’organo riproduttivo del bufalo.

Per concludere, ecco per la vostra ammirazione l’annuncio del nuovo prodotto degli allevamenti dell’Oklahoma

 

Phillips announces world’s best catalyst for producing hydrogen fuel from water

Wednesday, February 8th 2012

(1888PressRelease) Phillips announces a hydrogen-from-water breakthrough that successfully uses carbon to split water to produce hydrogen, while retaining oxygen in the water. Hydrogen storage tanks are no longer needed because of this new low-cost, safe method for producing hydrogen fuel at high flow rates.

Hydrogen fuel storage tanks are no longer needed because of a new low-cost, safe method for producing hydrogen fuel at high flow rates using carbon, one of the world’s safest and lowest-cost industrial materials. The hydrogen-from-water breakthrough was a result of a catalytic chemistry development that successfully uses a special carbon catalyst to split water to produce hydrogen, while retaining oxygen in the water.

The unique thing about this new process is that it requires no power input after the hydrogen-producing reaction is started, making possible, for the first time, the scale-up to high rates of hydrogen on demand (HOD).

Experts agree that hydrogen will command a key role in future renewable energy when a relatively cheap, safe, efficient and non-polluting means of producing hydrogen can be developed, on demand, at very high rates which make hydrogen storage tanks unnecessary. That goal has been met, for the first time, using the new CC-HOD process developed by a pharmaceutical company.

Catalytic chemistry research resulted in the discovery that an inexpensive activation process can convert normal carbon into a carbon catalyst that can effectively generate hydrogen gas from water, using a small amount of aluminum. The process uses about 3 times more water than aluminum, and the aluminum does not have to be pure, making the fuel less expensive. The carbon catalyst does not require electrolytes or organic additives. It can operate in pH-neutral water, even if it is dirty, and can operate in sea water, the most abundant source of hydrogen on earth.

Hydrogen is an energy dense and clean fuel, which upon combustion releases only water vapor. Today, most hydrogen is produced from electrolysis which requires large amounts of electrical energy or from natural gas which results in excessive carbon-dioxide emissions. An alternative, clean method is to make hydrogen from water using carbon. The new process is called CC-HOD, or Catalytic Carbon, Hydrogen on Demand.

Before this new process was developed, the use of hydrogen fuel was limited by the lack of a cheap catalyst that can speed up the generation of hydrogen from water. A vital part of the development success was combining predictive theoretical chemistry and testing to accelerate the process of identifying catalytic carbon as a new catalyst. This is a new development in the field of catalytic chemistry that has historically relied on trial and error. “Now that we have found new ways of rationally designing catalysts, we can speed up the development of new catalytic materials enormously,” said a company spokesman.

Hydrogen purity measurements were made by an independent test laboratory. The new process produces 93% pure hydrogen with 7% water vapor. When hydrogen from this process was added to the air intake to an otherwise unmodified Buick test vehicle, mileage improvement ranged from 32% to 40%.

Catalytic Carbon has been provided to 45 evaluation sites internationally with very positive results. Independent evaluators have produced hydrogen at high flow rates ranging from 1 to 40 liters per minute. The process produces high-purity hydrogen because when the water is split, the oxygen remains in the water in the form of aluminum hydroxide. The chemistry technology is completely developed, well understood, and ready for commercialization. “We are in discussion with potential licensees. Business agreements with additional licensees, particularly manufacturing companies, are planned,” said a company spokesman.

Equipment development and manufacturing is the next step toward commercialization. The new carbon catalyst was developed by Phillips Company, an Oklahoma-based FDA-registered pharmaceutical manufacturing company. Phillips is not an energy products company. Accordingly, the development and commercialization of hardware products will be done by other companies.

Phillips is searching for companies that can produce hardware and commercialize the technology in the form of fuel for vehicles, hydrogen fuel for heating, and hydrogen fuel for water distillation. “We think using hydrogen to fuel ships is promising because the process works well with sea water. More importantly, we think it makes sense to use hydrogen to fuel electric power generators on islands or in remote locations where water is plentiful and cheap, compared to the cost of importing oil/diesel via tanker ships.

These applications are now possible because this process is the world’s first low-cost process that can be scaled up to produce hydrogen on demand at very high flow rates. Because the hydrogen-producing process uses pH-neutral chemistry, the hardware corrosion problems are virtually nil.

In the recent State of The Union address, the President said, “This country needs an all-out, all-of-the-above strategy that develops every available source of American energy – a strategy that’s cleaner, cheaper, and full of new jobs.” Most Americans agree. “We are searching for companies that can become strategic alliances to produce the equipment and commercialize the use of hydrogen for fuel,” said A. Shrava, the licensing agent for Philllips Company. He can be reached by telephone at 917-494-7252.

The world’s best catalyst for producing hydrogen from water is described online at www.PhillipsCompany.4T.com/HYDROGEN.html

13 comments ↓

#1 oca sapiens on 02.09.12 at 20:47

Copione!

#2 Ugo Bardi on 02.09.12 at 20:51

Ma che il bufalo era l’animale di stato dell’Oklahoma non lo sapevi, vero?

#3 oca sapiens on 02.09.12 at 21:06

Ups, m’è partita la zampa in anticipo.
Non intendevo il prof. Bardi, ma l’Oklahoma che ha copiato sulla Florida che ha copiato sullo stato di New York che…

http://www.epicidiot.com/waterpoweredauto.htm

#4 Brrr, brrr » Ocasapiens - Blog - Repubblica.it on 02.09.12 at 21:36

[…] commenti ocasapiens su Brrr, brrrsteph su La yahooUgo Bardi su Brrr, brrrmazzetta su La yahooIdrogeno a basso costo dall’acqua: la bufala dell’Oklahoma — Nuove Tecnologie Ener… su Brrr, brrrgvdr su La yahooEvoluzione.tk su La yahoosteph su La yahooEvoluzione.tk su La […]

#5 Monster Boy on 02.09.12 at 22:31

se credo di aver capito cosa intendono loro:
2Al+3H2O -> Al2O3+H2
(producono H2 bruciando l’alluminio in polvere; a sto punto non sarebbe più immediato bruciare direttamente l’alluminio e utilizzando quello come fonte di energia (costerà 2-3€/kg come semilavorato forse meno come rottame, può essere?)).

#6 Gianni Comoretto on 02.09.12 at 23:03

@monster boy: certo, e produci direttamente energia elettrica, con la pila metallo-aria. Una rudimentale, ma funzionante pila alluminio-aria si fa in casa con il foglio di alluminio da cucina e pochi altri ingredienti, ci sono diverse “ricette” in rete. Molti più efficiente, visto che poi non devi convertire l’idrogeno in energia utile (movimento, luce) con grosse perdite, ma usi direttamente l’elettricità per farlo.

#7 Anacho on 02.09.12 at 23:41

Se ben ricordo la produzione dell’alluminio è una delle più energivore, andiamo alla fonte e invece di usare l’elettricità per produrre alluminio per produrre idrogeno usiamola direttamente.
Però il bufalo è simpatico. 🙂

#8 Monster Boy on 02.10.12 at 14:59

Sì, l’alluminio in natura non è puro ed esistono diversi tipi di minerali, anche se è abbondante sulla crosta terrestre. Percui dopo l’estrazione va raffinato, il che costa energia (Anacho dice che costa molta energia, forse più di quella che si ottiene poi a farlo reagire con l’acqua), quindi al max va bene come vettore. Può essere ? E’ chiaramente impossibile che si riesca a estrarre energia da un ciclo di reazioni (raffinazione/bruciare) AlO3->Al->AlO3->Al->AlO3->Al->etc.

#9 Igor Giussani on 02.10.12 at 16:24

Scusi Bardi, cosa ne pensa invece di quest’altro progetto sull’idrogeno:

http://www.community.blueeconomy.de/m/news/view/Zero-Emissions-Hydrogen

#10 Ugo Bardi on 02.10.12 at 16:43

Le idiozie che scrivono, tipo:

“This means: the more miles you drive with a bus powered by hidrogen obtained by the cold plasma method, the more greenhouse gas disappears.”

credo siano sufficienti per non preoccuparsene oltre

#11 Gifh on 02.10.12 at 18:33

Ma di nuovo? Poco più di un anno fa spopolava l’acqua funzionalizzata giapponese (http://wp.me/pVgju-eZ), adesso cos’è, quark-bufalizzata?

#12 Sulla necessità di rigore nella ricerca di nuove fonti di energia — Nuove Tecnologie Energetiche on 02.22.12 at 00:08

[…] che sono versioni appena un po’ aggiornate del vecchio moto perpetuo (valga per tutti, questo recente esempio). Tuttavia, non è impossibile pensare che si possano trovare aree poco esplorate della fisica dove […]

#13 Gianni on 02.23.12 at 22:40

Comunque, accelerare si continua a scrivere con una l sola. Da sempre.