Esplosione presso un impianto nucleare francese. Questa NON è una esercitazione.


Visualizzazione ingrandita della mappa
Pochi minuti fa , per PURO caso ho trovato questa notizia.

Pare decisamente confermata, negli ultimi minuti.

Una rapidissima ricerca su internet mi ha portato,come immagino tanti altri,  alla descrizione su Wiki.

insintesi quel che sappiamo è che l’esplosione è stata violenta: ha fatto un morto ( almeno) e quattro feriti.

Sul sito c’e’ sia una delle più vecchie centrali francesi ( a grafite, come quella di Chernobyl) sia un impianto di riprocessamento delle scorie.

per finire nei dintorni c’e’ pure il Phénix, il primo prototipo di reattore autofertilizzante francese.

Abbiamo vari scenari, senza sapere ancora nulla e nessuno tranquillizante.

Allo stato potremmo oscillare da una mini chernobyl ( esplosione nell’impianto moderato a grafite) a qualcosa di peggio ( esplosione nell’impianto di ritrattamento delle scorie, con dispersione di un plume altamente radioattivo ( plutonio et alia). Oppure, un esplosione nel reattore autofertilizzante ( la cosa piu’ probabile se è raffreddato a Sodio), scenario simile al precedente.

La cosa più importante e il vento, come al solito.

In che direzione sta soffiando e soffierà nelle prossime ore?

Lo sapevo già, visto che conosco da velista i venti prevalenti in zona ma ecco qui un primissimo link.

La faccio breve: per i prossimi due giorni soffierà verso sud-sud est.

Direzione Italia.

No, decisamente NON è una esercitazione.

Dovendomi assentare per qualche ora, chiedo ad ugo di dare gli aggiornamenti, ove possible, in tempo reale, ed a Domenico Coiante, uno dei massimi esperti italiani “storici” di centrali nucleari di intervenire celermente per inquadrare meglio, ove possibile il rischio per il nostro paese. Buona fortuna a tutti noi.

 

13 comments ↓

#1 PietroCambi on 09.12.11 at 14:34

Non si segnalano fughe. Per ora.

#2 Gino on 09.12.11 at 15:07

Ogni volta che le autorità affermano “Per adesso…” stranamente comincia a bruciarmi il B.d.C. (…)

#3 Domenico on 09.12.11 at 15:23

Le informazioni a disposizione sono ancora troppo scarse per poter fare un commento appropriato. Mi sembra di capire che si tratta di un reattore moderato a grafite e raffreddato ad anidride carbonica in pressione, come erano quelli della tecnologia inglese di prima generazione (anni ’60). Gli ultimo furono realizzati nei primi anni ’70 e poi la tecnologia fu abbandonata in favore dei reattori moderati ad acqua in pressione, ritenuti molto più efficienti e soprattutto più sicuri.
Per inciso, ricordo che il reattore di Latina era della tecnologia gas-grafite e fu bloccato nel 1987 a seguito del referendum ed è ora in fase di decommissioning. Mi sorprende che a Marcoule ci fosse ancora in funzione un reattore di questo tipo, che dovrebbe avere più di 40 anni di vita. Magari sarà stato uno di quelli a cui è stata rilasciata la licenza a proseguire l’attività fino ai 50-60 anni, perchè all’ingordigia non c’è mai limite.
Solo alcuni giorni fa, il 27 agosto, avevo ricevuto una email di allarme da parte del sito Next-up che denunciava lo scandalo di una serie d’incidenti sulle centrali francesi tenuto nascosto. Manderò questo documento a Ugo perchè lo diffonda nel nostro sito.

#4 Defcon70 on 09.12.11 at 15:43

Si legge in rete che l’esplosione non ha riguardato reattori, che come riportava Domenico sono spenti da lustri, ma una fornace utilizzata per fondere acciai provenienti da attività di decommissioning.
Non sarebbe quindi un incidente nucleare ma un incidente industriale in cui sono coinvolti materiali debolmente radioattivi.

#5 Gwon on 09.12.11 at 16:25

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2011/09/12/visualizza_new.html_724257162.html

http://balisescriirad.free.fr/

“Ce lundi 12 septembre à 14h15 heure locale, aucune contamination n’a été détectée par les balises gérées par la CRIIRAD.”

Fino a quando il Criirad non inizia a strepitare c’è la speranza che non sia grave. Speriamo.

#6 Defcon70 on 09.12.11 at 16:28

Da AFP:
” L’accident qui a fait un mort et quatre blessés lundi matin dans l’installation nucléaire Centraco, dans le Gard, “est terminé”, a annoncé l’Autorité de sûreté nucléaire, qui a suspendu son organisation de crise “.

#7 Gwon on 09.12.11 at 16:57

http://www.asn.fr/index.php/S-informer/Actualites/2011/Accident-dans-l-installation-nucleaire-Centraco

“…Selon les premières informations, il s’agit d’une explosion d’un four servant à fondre les déchets radioactifs métalliques de faible et très faible activité.

Un premier bilan fait état d’un mort et de 4 personnes blessées dont une grave.

Il n’ y a pas de rejets à l’extérieur de l’installation. …”

#8 Monster Boy on 09.12.11 at 17:48

C’è di peggio.
http://www3.lastampa.it/cronache/sezioni/articolo/lstp/419876/

#9 Gwon on 09.13.11 at 00:40

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-09-12/ecco-cosa-successo-forno-183137.shtml?uuid=AamJZq3D

#10 Defcon70 on 09.15.11 at 01:05

Sarà il caso di cancellarlo questo post? Magari uno, che so, rientra dalle ferie, lo legge e si convince che i media mainstream abbiano insabbiato un incidente nucleare.

#11 Gwon on 09.15.11 at 22:22

@Defcon70

Concordo che il titolo può trarre in inganno e sembra più allarmante della realtà … Il fatto però è accaduto e va spiegato bene, al momento l’unica spiegazione che ho trovato è quella sul sole24ore che ho postato. Sta di fatto che anche secondo il Criirad non ci sono segni evidenti di contaminazione. Si è fatta quindi probabilmente demagogia ma sta di fato che le informazioni sono state scarse. Sarebbe interessante capire se si è aperta una inchiesta sulla sicurezza generale dell’impianto di smaltimento/ritrattamento dei rifiuti nucleari e sulle cause dell’incidente. Ma sembra che non ci siano molte informazioni a riguardo.

#12 Gwon on 10.04.11 at 15:46

INES 1 ………

“Après vérification par l’ASN, il s’avère que le four de fusion contenait, au moment de l’accident, une charge d’environ 4 tonnes de métal pour une activité de l’ordre de 30 MBq et non de 63 kBq comme l’a initialement indiqué l’exploitant. Si cette valeur reste faible, l’ASN a cependant demandé à l’exploitant des explications sur les raisons de cette sous-évaluation.”

http://www.asn.fr/index.php/S-informer/Actualites/2011/Centraco-autorisation-prealable-au-redemarrage-des-fours-et-niveau-1-INES

#13 Gwon on 10.05.11 at 21:15

Anche in Belgio vanno alla grande……

Homer Simpson: “Toh mi è scivolato un piccolo recipiente di plutonio……avete una salvietta al limone?”

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2011/10/05/visualizza_new.html_675281869.html