Eolico di alta quota: viva l’abbondanza!

kitegenstemvolo1

Un era di abbondanza dall’eolico di alta quota? Perchè no? L’atmosfera non è tanto efficiente come motore termico (circa il 2%), ma il bello è che c’è talmente tanta energia disponibile in forma di vento che a noi basta andare a recuperarne solo un po’ per essere contenti e ben energizzati.

L’eolico di alta quota, specialmente nella  forma di “Kitegen” ci promette energia in abbondanza, pulita e a basso costo. Non promesse campate in aria, ma basate su solidi calcoli di fisica e di ingegneria, come racconto in un articolo apparso oggi su “The Oil Drum”. Se tutto funziona come ci si aspetta e se riusciremo a investire in questa energia, in pochi decenni, o forse pochi anni la “crisi energetica” potrebbe essere soltanto un ricordo (e i combustibili fossili roba da museo come i rematori delle triremi romane). Non ci sarà più bisogno del “pensiero micragnoso” che domina oggi chi si occupa di energia rinnovabile. Risparmiare va bene, ma non se ne può fare una ragione di vita. Viva l’abbondanza!

Ma, anche con energia in abbondanza, ricordiamoci comunque che la terra è un sistema limitato e che non possiamo mangiare energia elettrica. I problemi di sovrappopolazione e distruzione degli ecosistemi restano. Ma avere energia ci permette anche di pensare di risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato. Come sempre, il futuro dipenderà da noi.

Link all’articolo di Ugo Bardi su TOD

Vedi anche l’articolo di Pietro Cambi su Crisis

Il sito del kitegen

7 comments ↓

#1 Anonimo on 07.07.09 at 10:46

“L’atmosfera non è tanto efficiente come motore termico (circa il 2%)”
sei sicuto di quello che dici ?? al dila’ del dubbio significato della frase, cosa sarebbe l’efficienza dell’atmosfera ? resta il fatto che il motore termico ha un efficienza veramente limitata (limitata dalla termodinamica), l’eolico ha efficienza intorno al 60% (paragonabile al nucleare … il problema e’ l’incostanza del vento), il kitegen ha dalla sua il fatto che ad alta quota i venti sono “quasi” costanti e veloci.
Se ricevessero sovvenzioni progetti come questi non ci sarebbe posto sulle bocche della gente per il nucleare.
ma pare disturbino gli aerei … chissà perche’ si trovano sempre le scuse + assurde tipo i mulini a vento che sono brutti e rumorosi. Ma avete presente che casino fa e quanto e’ brutta una centrale dell’enel ??? senza parlare del puzzo la cenere e i tumori.
non c’e’ mai nessuno che fai conti con l’oste …

#2 wonderland on 07.07.09 at 10:47

scusa per lo sfogo sopra 😛 volevo solo invitarti ad essere + preciso …

#3 Anonimo on 07.07.09 at 12:15

Wonderland, un motore termico trasforma il calore in energia meccanica – che possiamo chiamare anche cinetica. L’atmosfera la possiamo chiamare un motore termico che trasforma il calore solare in energia cinetica in forma di vento. Non ti ci arrabbiare!

#4 elettronebenny on 07.08.09 at 09:48

Salve a tutti, se mi concedete un’appunto, che l’energia prodotta dal vento al di là delle percentuali, non ha effetti secondari come il produrre energia dal fossile. Questa è una considerazione a mio avviso importante, visto quello che stiamo combinando a questo pianeta.
Benny

#5 elettronebenny on 07.08.09 at 09:54

Poi devo aggingere che sentire personaggi il quale dicono adirittura meglio il nucleare all’eolico, mi riferisco a Sgarbi in una trasmissione televisiva, dire ciò da una persona che si reputa intelligente, temo che la condizione dell’umanità sia veramente arrivata al capolinea, Gaia ci sputerà via come ha già fatto con altri esseri viventi, che l’hanno abitata.
Benny

#6 Frank on 07.09.09 at 19:45

Sgarbi non sa nulla di cicli nucleari, risorse fissili, stoccaggio delle scorie, EROEI e confronti con le rinnovabili, per cui quello che dice conta un emerito C..ZO. E’ ora che la finiamo di far parlare personaggi popolari su temi tecnici e delicati (a meno che non siano titolati per farlo). E’ più semplice di quel che sembra.

#7 Weissbach » What does a tornado like? Which god taxi driver! on 07.22.09 at 23:54

[…] mia predilezione a tutt’oggi va al Kitegen (*, *, […]