Confronto tra fotovoltaico e biomassa sulla fattibilità energetica su larga scala

di Giulio De Simon (gdesimon@units.it)
biomass

Introduzione

Biomassa e fotovoltaico possono essere considerati due forme di sfruttamento dell’energia solare. Di conseguenza, si tratta di due metodi concorrenti sull’impiego della superficie esposta al sole. In questo ambito ci si chiede quale delle due tecnologie sia più vantaggiosa nella produzione di energia elettrica, se confrontate riguardo alla fattibilità su larga scala. La base comune dell’analisi sarà il m2 di terreno impiegato e si calcolerà la quantità di energia elettrica ricavabile con le tecnologie a disposizione. I conti che verranno mostrati serviranno solamente per capire l’ordine di grandezza della sfruttabilità delle risorse in ottica globale, e non una dettagliata analisi di fattibilità.

I dati di partenza

I dati di partenza sono stati ricavati da fonti istituzionali o articoli di riviste specializzate. Di seguito quelli comuni a tutti e due i casi studiati (rif. [1], [2], [3]).

Dati di ingresso generali
superficie suolo italiano                                  301000   km2
consumi elettrici Italia nel 2005                       309816   GWh/anno
insolazione media a Roma                              1516   kWh/(m2 anno)
superficie italiana coltivata                              43,8  %

Caso biomassa

Di seguito sono elencati i dati di partenza con cui sono stati eseguiti i calcoli (rif. [4], [5], [6])

Dati di ingresso biomassa
produttività colture energetiche                               12,5   tonnellate/(ha anno) secco
contenuto in ceneri                                               2   % su secco
potere calorifico superiore (PCS)                                20   MJ/kg secco netto ceneri
rendimento elettrico impianto (su PCS)                           30   %
perdite per coltivazione e trasporto                             10   %

Si consideri di impiegare il terreno con biomasse specializzate per massimizzare la produzione di energia. Si tratta quindi di utilizzare colture energetiche dedicate a breve rotazione, come possono essere ad esempio Salix, Populus, Alnus, Eucalyptus o Miscanthus (rif. [4]). Benché esista una gran varietà di biomasse molto diverse tra loro dal punto di vista chimico, il potere calorifico superiore, se riferito all’unità di massa essiccata e al netto delle ceneri, risulta comunque molto omogeneo e pari a 20 MJ/kg± 15% (rif. [5]).

Il dato di rendimento dell’impianto per la produzione elettrica può essere realistico per taglie di grossa potenza. I costi di trasporto però impediscono l’impiego delle biomasse in impianti di tale dimensione, poiché significherebbe dover sostenere lunghi percorsi dai punti di raccolta a quelli di utilizzo. Si consideri quindi il 30% come un valore ottimistico. Le perdite per coltivazione e trasporto riguardano tutti i consumi energetici nella catena di produzione: lavorazione del terreno, semina, fertilizzazione, pesticidi, raccolta e trasporto all’impianto. In letteratura (rif. [6]) sono stati trovati valori nell’intervallo 3,8-33%, variabile a seconda del tipo di coltura. In questa sede si è selezionato un valore intermedio del 10%. Nella tabella seguente sono riportati i risultati ottenuti da semplici calcoli direttamente dai dati.
Risultati biomassa
produttività PCS colture energetiche lorde                       6,81  kWh/(m2 anno)
produttività PCS colture energetiche netto perdite             6,13  kWh/(m2 anno)
produttività elettrica                                                    1,84  kWh/(m2 anno)
rendimento sole->PCS                                                  0,40  %
rendimento sole->elettricità                                          0,12  %
sup. necessaria per soddisfare domanda italiana             168607    km2
quota della superficie italiana richiesta                          56  %
quota della superficie coltivata richiesta                         128  %

Da notare subito i bassi rendimenti ottenibili già nel passaggio di conversione dall’energia solare al potere calorifico superiore (PCS) della biomassa. Dagli altri dati mostrati si può notare che, nell’ipotesi di voler soddisfare tutta la domanda di energia elettrica italiana, l’attuale superficie coltivata non sarebbe sufficiente.
C’è da tener presente inoltre che gli impianti termoelettrici alimentati a biomassa possono lavorare in cogenerazione, in modo tale che l’energia non convertita in elettricità possa essere sfruttata per soddisfare utenze termiche. Questo recupero però non riuscirebbe a migliorare la fattibilità energetica, visto che il passaggio limitante dell’intero processo si trova nella conversione da energia solare a energia chimica della biomassa.
Caso fotovoltaico

Di seguito sono elencati i dati di partenza usati nei calcoli.
Dati di ingresso fotovolatico
produttività annua impianto nuovo nel centro Italia                                      160   kWh/(m2 anno)
massimo decadimento annuo produttività garantito dai produttori di pannelli  0,8  %/anno
durata impianto minima                                                                            30  anni
punto di ritorno energetico pannelli                                                             4  anni

Il decadimento annuo della produttività è quello garantito dai produttori (es. rif. [8]). Si tratta di valori cautelativi perché la durata dell’impianto è molto alta e, trattandosi di tecnologia relativamente giovane, non ci sono molti dati a disposizione sul comportamento a fine vita. Gli impianti che hanno raggiunto durate superiori ai 25 anni hanno comunque dimostrato decadimenti ben inferiori (meno del 4% in 20 anni, rif. [12]). Si è ipotizzato inoltre un decadimento lineare tra inizio e fine vita. Il punto di ritorno energetico rappresenta il numero di anni necessario per recuperare tutta l’energia spesa per la produzione dei componenti dell’impianto. Anche questo è un dato cautelativo valido per le tecnologie consolidate: miglioramenti del rendimento di cella, riduzione degli spessori di cella e miglioramenti nel processo produttivo sono già in corso, e tale valore è stato ridotto sensibilmente.
Di seguito i risultati della trattazione.
Risultati fotovoltaico
produttività media nella vita utile                         140,8 kWh/(m2 anno)
produzione totale nella vita utile                           4224 kWh/m2
consumo per produzione impianto                          630 kWh/m2
produzione totale netta nella vita utile                    3594 kWh/m2
produttività annua netta                                        119,8 kWh/(m2 anno)
rendimento sole->elettricità diretta                         7,9 %
sup. necessaria per soddisfare domanda italiana       2586 km2
quota superficie italiana richiesta                            0,86 %

Come si può facilmente notare, la superficie necessaria risulta enormemente ridotta rispetto a quella calcolata per le biomasse. C’è da tener presente che nella comparazione non si è tenuto conto del fatto che l’energia delle biomasse è una forma accumulata e quindi disponibile in tempi diversi da quella della produzione, mentre quella del fotovoltaico è a flusso e necessita di essere consumata contemporaneamente alla produzione. A breve termine si può sfruttare l’integrazione con altre fonti di energia elettrica (es. termoelettrico) che riescono a coprire i periodi di non corrispondenza tra domanda e offerta dell’elettricità da fotovoltaico. Sta di fatto che nell’ottica di impiego di massa bisogna tener conto che sono necessari impianti di accumulo e deaccumulo con relative perdite nel processo complessivo. Sempre allo scopo di valutare gli ordini di grandezza, nella tabella seguente sono stati rieseguiti i calcoli, nell’ipotesi estrema di accumulare e poi deaccumulare il 100% dell’energia prodotta dal fotovoltaico con gli impianti di pompaggio idroelettrici (80% di rendimento di pompaggio nel bacino, 80% di rendimento di conversione in turbina, rif. [11]). Nella realtà, anche se si producesse tutta l’elettricità con il fotovoltaico, solo una quota dell’energia prodotta necessiterebbe di accumulo e deaccumulo. Di seguito sono mostrati i dati di ingresso e i risultati dei
calcoli.
Risultati fotovoltaico con accumulo/deaccumulo
energia lorda accumulata/deaccumulata                            119,8 kWh/(m2 anno)
produzione annua con accumulo/deacumulo                      76,7 kWh/(m2 anno)
rendimento sole->elettricità con accumulo/deaccumulo       5,1 %
sup. necessaria per soddisfare domanda italiana                4041 km2
quota della superficie italiana                                          1,34 %

Pur trattandosi di un caso limite con conseguente sensibile riduzione di rendimento, la superficie necessaria risulta ancora accettabile rispetto al totale del suolo nazionale.

Considerazioni energetiche finali

Nel confronto tra fotovoltaico e biomassa si ottengono i seguenti dati di produttività:

fotovoltaico      119,8 kWh/(m2 anno)
biomassa          1,84 kWh/(m2 anno)

Risulta quindi che il fotovoltaico è superiore alla biomassa di un fattore 65. Tenendo conto che la biomassa ha il vantaggio di essere una forma accumulata, il caso limite in cui tutta l’energia prodotta dal fotovoltaico debba essere prima accumulata e poi deaccumulata, la produttività si ridurrebbe a 76,7 kWh/(m2 anno) ed il fattore si ridurrebbe a 42, ancora comunque enormemente alto La spiegazione di questo consistente divario si trova analizzando i passaggi dei due processi.

biomas_pv_desimon1

Nel caso del fotovoltaico si ha un unico passaggio, mentre nel caso della biomassa si hanno diversi passaggi il cui limitante è il primo. Questo, legato alla fotosintesi, è un processo molto inefficiente: nel caso analizzato il 99,6% dell’energia proveniente dal sole viene persa nella prima conversione, permettendo al solo 0,4% di trasformarsi in potere calorifico della biomassa. Ciò porta alla conclusione che, mentre il fotovoltaico parte con un netto vantaggio ed esistono ancora margini di miglioramento (soprattutto riguardo all’ammortamento energetico), la biomassa risulta un metodo di conversione inefficiente e i margini di miglioramento saranno pochi, visto che il passaggio limitante è la fotosintesi. Per questo motivo la biomassa non potrà essere considerata una fonte sostitutiva dei combustibili fossili, visto che già le ottimizzate colture energetiche richiedono superfici enormi. Restano comunque ancora gli impieghi di nicchia delle biomasse di scarto da altre produzioni agricole o industriali, soprattutto quando si tratta di materiale il cui smaltimento rappresenti un costo sia energetico che economico. Analogamente, gli stessi discorsi si applicano anche alla produzione di combustibili da biomassa per autotrazione (biocombustibili), visto che anche questa applicazione dipende dalla fotosintesi.
Considerazioni ambientali

Gli impatti ambientali del fotovoltaico restano confinati al processo produttivo (non analizzato in questa sede, ma comunque da approfondire). Una volta installato, esso possiede tutti i vantaggi che si può desiderare da un impianto che lo rende installabile in qualunque luogo. I vantaggi principali sono:
●    massima silenziosità
●    nessuna emissione gassosa, liquida o solida, né inquinante, né tossica
●    nessuna parte in movimento
●    unico pericolo per le persone è la presenza di corrente elettrica
●   affidabilità
●   impiego di superfici già utilizzate (tetti degli edifici)

Nel caso dell’impiego energetico delle biomasse si hanno gli stessi problemi legati ai classici
impianti industriali:
●   rumorosità
●   emissioni atmosferiche di particolato, NOx, SOx, ecc.
●   produzione di ceneri da smaltire
●   produzione di acqua da trattare nel caso di pulizia umida dei fumi
●   diverse parti in movimento e presenza di combustione (pericolo per gli operatori)
●   si aggiungono tutti gli impatti legati alla coltivazione agricola (movimentazione macchine
agricole per lavorazione e trasporto, fertilizzazione, diserbo, pesticidi, …)
●   impatto ambientale legato all’utilizzo di terreno (impoverimento del terreno per
l’asportazione di sostanza organica e conseguente contributo alla desertificazione)

Considerazioni economiche e gestionali

Le considerazioni economiche e gestionali richiedono una trattazione approfondita a parte. Segue quindi solo un’analisi qualitativa generale. Per quanto riguarda l’impiego del terreno, si è già accennato al fatto che il fotovoltaico viene installato su superfici comunque perse e inutilizzate che sono i tetti degli edifici. Nel caso della biomassa, invece, si entra in concorrenza con i terreni dedicati all’agricoltura che hanno comunque un gran pregio, poiché soddisfano la richiesta alimentare. Una diffusione su larga scala delle colture energetiche non farebbe altro che aumentare il costo dei terreni agricoli, limitare la produzione alimentare e quindi aumentarne il costo.

Per quanto riguarda i costi di gestione e manutenzione, per il fotovoltaico, come si è accennato, essi sono quasi inesistenti per l’estrema costanza, affidabilità e non necessità di operatori per il suo funzionamento; nel caso degli impianti a biomassa si hanno i soliti costi di gestione e manutenzione e i rischi legati agli impianti industriali classici. Il fotovoltaico rimane ancora fortemente penalizzato se vengono considerati i costi in capitale investito. Esistono comunque diversi studi e ricerche che mirano a ridurre la quantità di silicio necessario per metro quadrato di pannello e ci sono ancora margini di riduzione. Il costo di investimento e la difficoltà di accumulo dell’energia prodotta sono gli unici difetti degli impianti fotovoltaici. Su questi bisogna  concentrarsi per consentire una diffusione su larga scala di questa tecnologia.

Riferimenti

[1] http://www.terna.it/ita/statistiche/datistatistici05.asp
[2] http://erg7118.casaccia.enea.it/Pagine/TabelleRadiazione.htm
[3] http://www.minambiente.it/st/Ministero.aspx?doc=pubblico/tutela/chm/ita/agricola/agricola.xml
[4] http://www.ieabioenergy.com/LibItem.aspx?id=179
[5] P. Quaak, H. Knocf, H. Stassen, Energy from biomass, World bank technical paper No. 422
(1999)
[6] “Energy analysis of biomass production and transportation”, Biomass and bioenergy, Vol. 11,
No. 4, pp 305-318 (1996)
[7] http://www.enea.it/com/web/pubblicazioni/Op22.pdf
[8] http://www.kyocerasolar.de/prod.html
[9] http://www.enea.it/com/web/pubblicazioni/opuscoli.html
[10] http://www.seia.org/mythsandfacts.php
[11] http://www.ilsolea360gradi.it/2003/dicembre2003.htm
[12] Performance of old PV modules, (http://www.elforsk.se/publish/show_report.phtml?id=712)

L’articolo è stato pubblicato originariamente su www.aspoitalia.net, Febbraio 2007

9 comments ↓

#1 david c on 02.27.09 at 09:55

A parte la resa per m2, la diffenza tra le due energie che sfuttano il sole è l’accumolabilità.
Sarebbe interessante sapere quanta parte del consumo elettrico si puo’ adattare al momento della produzione.
In ambito famigliare penso al consumo per frigoriferi e congelatore,(il freddo potrebbe essere generato nei momenti quando il costo del kw è il migliore, oppure al riscaldamento della casa, visto che se neè parlato nel post precedente), o a quello della lavastoviglie e della lavabiancheria, che con un timer possono essere adattati ai tempi giusti.
Ma in generale, in ambito industriale,dove ci sono i consumi maggiori, ci sono dei processi che possono essere adattati al tempo in cui la disponibilità elettrica è massima?
Quando si parla di eolico e fotovoltaico, infatti si parla di produzione sfasata di energia, ma mi piacerebbe sapere se tanta energia consumata si puo’ consumare in tempi diversi.
E’ logico che la luce e la tv abbiano dei tempi di consumo fissi, ma sono tutti cosi’ i processi di consumo?

#2 marco on 02.27.09 at 13:26

Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti,tranne quelli in mala fede a causa di interessi vari o irrimediabilmente stupidi,che l’energia solare si può e si deve adoperare.
Come abbiamo del resto fatto da millenni.
Certo che è tuttora difficile trasformare quel migliaio di watt per metroquadro d’energia elettromagnetica che mediamente inonda la superficie terrestre, in altre forme d’energia.Ed è anche un pò più difficile accumularla.
Senza avere inconvenienti da qualche altra parte.
Ma non è l’ingegnosità che ci manca.
E’la capacità politica,riferita alla polis planetaria,
che scarseggia.
Tutti gli strumenti attuali che conosciamo per catturare e trasformare l’energia solare, mostrano benissimo che se investissimo più risorse umane e finanziarie allo scopo,in capo a due o tre decenni,ci libereremmo dalla necessità di adoperare i combustibili fossili e nucleari.
Ma i politici quasi mai ragionano in termini di decenni.
I finanzieri sono anche molto peggio,da qualche tempo a questa parte.
Ma molti cittadini sono anche peggio di tutti quanti.
Anche molti di quelli che apparentemente sembrano sostenitori della transizione all’era solare.
Nel senso che non gliene importa d’imparare in proprio quello che serve a capire i problemi relativi a questa transizione.
Si accontentano che esista qualche “tecnico” che lo fa per loro.
Poi, accortisi che distinguere tra i “tecnici” esperti e onesti e i “tecnici cialtroni” richiede comunque uno sforzo intellettivo,in genere abbandonano o meglio s’abbandonano
al primo pifferaio di turno,capace d’incantarli con presunti miracoli energetici.
Tanto per fare un esempio concreto,basti pensare alla parabola dei biocarburanti.
“Nessuno da niente per niente”.Questa antichissima massima
dovrebbe avvisarci che nemmeno l’uso dell’energia solare
ci porterà automaticamente nel paese di Bengodi.
Fabbricare pannelli fotovoltaici di qualsiasi tipo, non è un’impresa relativamente semplice come fare il fieno o produrre formaggi.
Accumulare le grandi quantità d’energia procapite alle quali ci siamo abituati da decenni,non è facile come s’è fatto per secoli con i granai.
Ci vuole studio, ingegno,lavoro,equità e pace sociale,e tutto questo a livello planetario non solo nazionale.
Noi Italiani eramavo famosi per il nostro ingegno.
E in quanto a materia prima, il sole,non pare irraggi meno che nel passato sulla nostra bizzarra penisola.
Forse ci siamo dedicati a studi inappropriati.
Forse qualcuno ruba costantemente
il frutto del nostro lavoro.
Forse per noi,equità e pace sociale sono troppo noiose per essere praticate.
Mistero della Fede, rendiamo grazie a Dio…………..

Marco Sclarandis.

#3 Franco on 02.27.09 at 16:09

nell’interpretazione delle ragioni dell’inefficienza della filiera biomassa energia (su cui non ci sono dubbi), credo vada spiegato meglio il passaggio relativo alla fotosintesi (non che poi io ne sia tanto capace).
Dire che la fotosintesi è un processo inefficiente è impreciso, perchè misuriamo dal lato output solo l’energia come PCS, trascurando del tutto l’energia che la pianta usa per vivere. Scusate il paragone, ma noi non è che mangiamo per fornire calore al triste momento della dipartita!
Non sto antropizzando le piante, ma penso che se si misurasse l’effettiva trasformazione di radiazione solare in energia a livello cellulare, si constarebbe che il fenomeno è altamente efficiente.
Mi sembra di ricordare su questo, un intervento di Claudio Della Volpe sul forum petrolio un paio d’anni fa.
Franco

#4 Voyage on 02.28.09 at 09:53

Sono d’accordo con Franco.
La fotosintesi è un miracolo di efficenza per lo scopo per cui si è evoluta (cio per dare la autosufficenza energetica alle piante). L’energia residua accumulata nelle piante e disponibile per noi umani è ben poca cosa. Quindi le conclusioni nel post di Giulio De Simon sono corrette. Dal nostro punto di vista la fotosintesi è inefficente. Il fotovoltaico ha una efficenza notevolmete superiore ( inteso sia come energia ricavabile da un m2 sia come tipologia di suolo utilizzabile, sia come materie prime consumate).
Per rendere possibile la diffusione del fotovoltaico, bisogna però adattare la rete distributiva, i sistemi di accumulo, e cosa spesso trascurata, gli utilizzatori di energia.

David C. lo dice, ed è una cosa importante. Per rendere più efficente la rete e minimizzare le necessità di accumulo, bisogna sincronizzare il consumo con la produzione. Questa è una grande novità e una sfida tecnologica completamente nuova per molti processi produttivi. Ma sentiremo molto parlare di questi utilizzi intelligenti della enrgia nel nostro futuro.

#5 stjopa70 on 03.02.09 at 10:53

Parlando di “demand-side management”, il nuovo scambio sul posto, in vigore dal primo gennaio 2009, introduce una forma di incentivo ad autoconsumare l’energia prodotta.
Prima il kWh era scambiato come energia e senza distinzione di sorta, mentre ora al kWh viene assegnato un valore monetario (tasse escluse) che viene scambiato con il valore dell’energia prelevata dalla rete. Quindi il disincentivo a prelevare nel momento in cui non si produce è rappresentato dalle tasse. Anche un eventuale residuo annuo positivo è adesso conteggiato in denaro e non in energia.
Non so fino a che punto la norma è stata cambiata per lungimiranza o per mero tornaconto dello stato, ma resta il fatto che ora chi ha l’impianto PV è incentivato ad accendere la lavartice o a ricaricare il mezzo elettrico in un giorno assolato.

Un altro metodo già presente di controllo della domanda è la tariffa bioraria.

#6 Luigi Ruffini on 03.03.09 at 14:33

In effetti la questione dell’IVA sullo scambio sul posto ha già creato un putiferio.
Vi è da dire che con lo scambio come applicato in precedenza dagli Enti Erogatori del servizio era molto peggio. Pagare un acconto in tariffa A3 (la notturna e festiva) ed attendere il conguaglio a fine anno era a dir poco allucinante (fosse anche solo per il calcolo degli aumenti tariffari).
Ora si paga la bolletta e si ha un recupero da parte del GSE corrispondente al valore di mercato al momento del prelievo per la sola parte consumata. Il credito residuo viene conteggiato a credito come KW semplice e monetizzato al valore di mercato successivo, corrispondente al momento del prelievo effettivo dalla rete.
La procedura per l’allacciamento ora è di meno di 15 gg, contro un mese di prima. la compensazione quest’anno e trimestrale, prima annuale, l’anno prossimo mensile.
Che sia meglio non c’é dubbio. Che poi gli allegati siano di più…beh, ci vuol altro per spaventare chi si occupa di questo settore. Non sarà una planimetria, un atto notorio ed un cambio di allegati (2 in meno) a creare problemi.

#7 Bono non viaggia in Mercedes (…inquina troppo) | moVimento 5 stelle Piemonte on 03.10.10 at 20:24

[…] ultimo, ricordiamo lo studio di un ricercatore dell’Università di Padova che dimostrava dati alla mano come bruciare legname sia un non senso rispetto all’utilizzo di […]

#8 BRESSO SFIDA GRILLO. NON SA NIENTE DI ENERGIA E TAV « Il Blog dei Meetuppers Chieresi on 03.11.10 at 11:12

[…] ultimo, ricordiamo lo studio di un ricercatore dell’Università di Padova che dimostrava dati alla mano come bruciare legname sia un non senso rispetto all’utilizzo di […]

#9 Bono non va con la Mercedes perché inquina « DIFFONDIAMO on 03.11.10 at 21:56

[…] ultimo, ricordiamo lo studio di un ricercatore dell’Università di Padova che dimostrava dati alla mano come bruciare legname sia un non senso rispetto all’utilizzo di […]